Umorismo nero

giovedì 18 ottobre 2007

barbujaniUn suggerimento di lettura: L’invenzione delle razze, di Guido Barbujani – illustre genetista italiano. Sottotitolo: capire la biodiversità umana. È un libro pieno di informazioni, intelligenza e ironia. Racconta quanto la scienza – e non solo la spiritualità – sia strumentalizzabile.

In questi giorni rieccheggia tra i mass media la notizia che Mr. Watson, uno dei due (o tre) scopritori del DNA, avrebbe dichiarato che i neri sono meno intelligenti dei bianchi. Il libro di Barbujani, pubblicato l’anno scorso da Bompiani, spiega da dove vengono queste affermazioni balzane e del tutto anti-scientifiche. E soprattutto quali scopi concreti hanno. Indovinate? Denaro e potere: è sempre questa l’accoppiata che stimola le bugie più invereconde. Per sintetizzare, negli Stati Uniti – ma non solo lì – c’è una lobby che ha l’obiettivo di rubare ai poveri per dare ai ricchi (cioè a se stessi). Vogliono tagliare ancora la spesa sociale per investire altrove e a questo scopo s’inventano statistiche confutabilissime, test d’intelligenza inattendibili, o tirano fuori vecchi nobel notoriamente reazionari, omofobi e razzisti. Se i neri sono intrinsecamente stupidi- questa è la loro tesi – perché continuare ad aiutarli? Sembra una barzelletta.

Ma di autorevoli umoristi che non fanno ridere, la nostra cultura abbonda. Statistiche alla mano, l’attuale ministro dell’economia ha affermato che i giovani italiani sono bamboccioni. Se i giovani sono intrinsecamente incapaci, perchè continuare ad aiutarli? Elementare, Watson.

 

Annunci

So now that you like me, fine

venerdì 12 ottobre 2007

cleftDoris Lessing, 88 anni tra dieci giorni, ha commentato così il nobel per la letteratura.

Qualche link:

Premio; BBC news; Intervista;

it.wikipedia; letture; libri in italiano.

Arriverà mai questo riconoscimento a Chinua Achebe?


LibraryThing

venerdì 5 ottobre 2007

ficcionesCos’è LibraryThing? La presentazione dice:

E’ un nuovo sito per gli amanti dei libri. LibraryThing ti consente di creare un catalogo dei tuoi libri dello stesso livello di una biblioteca. Puoi inserirli tutti o anche solo quelli che stai leggendo in questo momento. E catalogando online, tutti catalogano insieme. LibraryThing collega le persone in base ai libri che hanno in comune.

Curiosi? Date un’occhiata alla versione in italiano.

Un sito analogo è aNobii, che ha raggiunto da poco i 2 milioni di libri catalogati.


Carminio

mercoledì 3 ottobre 2007

bambini monaciCos’è il rosso carminio? Una radiazione elettromagnetica con lunghezza d’onda di 700 nanometri e frequenza sui 425 terahertz. Oppure: un colorante ricavato dalla cocciniglia, parassita dei fichi d’india.

In questi giorni, però, il rosso carminio che veste i monaci birmani è diventato anche il simbolo di chi si espone e rischia in prima persona per creare giustizia e pace dove non ci sono.

Come tutti i simboli, può diventare un vessillo di ipocrisia. Come tutti i simboli, cattura le emozioni ma non si lascia catturare.

Notizie sempre aggiornate (e in italiano) sulle zone rosso carminio del mondo si trovano nel sito PeaceLink, che pubblica anche racconti e poesie nella sezione NoBrain. Per chi vuole collaborare:

<< PeaceLink è una redazione virtuale fatta divolontari che producono articoli, dossier e libri, utilizzando le nuove tecnologie per favorire il giornalismo popolare e la costruzione sociale dell’informazione con meccanismi che nascono dal basso. Se hai qualcosa da dire ma non sai dove scriverla, se ti piacerebbe imparare le tecniche del giornalismo on line collaborando con noi, se hai voglia di pubblicare articoli e inchieste scrivici, per entrare a far parte della nostra redazione.>>


piovono festival

lunedì 1 ottobre 2007

Se gli appuntamenti di settembre non fossero bastati, anche ottobre si presenta denso di festival e incontri che si occupano di lettura, scrittura e creatività. Ne segnaliamo alcuni:

creativita> Ottobre piovono libri

> Festival della Creatività, con annesso concorso di scrittura collettiva

> Festa del Racconto

> Festival della Lettura

> Pisa Book Festival